Home >>>> Comunicati stampa >>>> Il punto sugli impianti fognari nei villaggi ardeatini

Inceneritori: se non ti informi non saprai mai che sono nocivi e che esistono delle alternative

La lotta contro l' inceneritore non ha padroni ed è gestita dal basso, non fa spalla a nessun partito politico, istituzione, o simili. E' una lotta autorganizzata che rifiuta ogni delega, quindi se vogliamo vincerla dobbiamo partecipare tutti/e direttamente!!

Le manifestazioni, i presidi in piazza, i volantinaggi, le assemblee pubbliche  oltre agli innumerevoli esposti e ricorsi fin ad oggi fatti sono stati possibili grazie alla sottoscrizione di tanti e tante. AIUTACI ANCHE TU clicca sul nostro sito alla voce Sottoscrivi per fare una piccola donazioni.

Il punto sugli impianti fognari nei villaggi ardeatini PDF Stampa E-mail
Notizie - Comunicati stampa

La mattina di mercoledì 20 Dicembre, una delegazione dei comitati NO INC di Albano e Ribelli di Montagnano ha ottenuto un incontro urgente con l'assessora all'Urbanistica del Comune di Ardea, Rossana Corrado, per avere risposte precise su tempi, modi e zone di localizzazione della rete fognaria da realizzare e allacciare al mega depuratore dei Castelli Romani.

Un articolo del Caffè di due settimane fa indicava come zona interessata il solo Villaggio Montagnano, in netto contrasto con quanto ci era stato comunicato nei ripetuti incontri in Regione e in quelli con i responsabili comunali della precedente e  dell'attuale giunta.

Dalla planimetria dei lavori esibita da un responsabile della società Idrica presente all'incontro risulta che il progetto di realizzazione e adduzione fognaria al depuratore, il cui finanziamento è stato sbloccato dopo gli accordi sul contenzioso Regione-Comune,  coprirà non il solo Montagnano ma tutti i Villaggi a monte della ferrovia Roma Napoli, con l'eccezione del tratto iniziale di via S. Berardo dei Marzi. Questa assurda esclusione risalirebbe al decennio scorso quando fu avviata la prima richiesta di  finanziamento per le fognature e la rete idrica.

Sui tempi previsti la società Idrica ritiene di completare i contratti con i residenti e quindi la stesura del progetto esecutivo entro fine gennaio 2018. Seguiranno i dovuti passaggi burocratici tra Comune e Regione i cui tempi sono assolutamente imprevedibili.

Buio completo invece per realizzazione della rete idrica pubblica, in questo caso siamo al palo grazie all'insipienza e al menefreghismo di quanti avrebbero dovuto farsene carico in questi anni, nonostante sapessero e sappiano che le acque sotterranee arrivano ai villaggi dopo aver attraversato il sito della discarica di Roncigliano le cui falde sono da cinque anni inquinate da idrocarburi cancerogeni. La mobilitazione continua.

Coordinamento contro l'inceneritore di Albano – Comitato ribelli di Montagnano

 
VALID CSS   |   VALID XHTML