Home >>>> Comunicati stampa >>>> Comunicato a seguito del presidio ad Ardea del 24 febbraio

Inceneritori: se non ti informi non saprai mai che sono nocivi e che esistono delle alternative

La lotta contro l' inceneritore non ha padroni ed è gestita dal basso, non fa spalla a nessun partito politico, istituzione, o simili. E' una lotta autorganizzata che rifiuta ogni delega, quindi se vogliamo vincerla dobbiamo partecipare tutti/e direttamente!!

Le manifestazioni, i presidi in piazza, i volantinaggi, le assemblee pubbliche  oltre agli innumerevoli esposti e ricorsi fin ad oggi fatti sono stati possibili grazie alla sottoscrizione di tanti e tante. AIUTACI ANCHE TU clicca sul nostro sito alla voce Sottoscrivi per fare una piccola donazioni.

26 e 27 Agosto, DISCAMPING,Villaggio Ardeatino, via Ardeatina km 25

Comunicato a seguito del presidio ad Ardea del 24 febbraio PDF Stampa E-mail
Notizie - Comunicati stampa

La vergognosa situazione dei Villaggi Ardeatino, Montagnano e zone limitrofe in Comune di Ardea a valle della discarica di Roncigliano, con circa duemila abitazioni sprovviste di fognature e rete idrica, si trascina da anni e non ha trovato fin’ora nessuno straccio di soluzione.  Ad oggi abbiamo sentito solo chiacchiere vuote e rimpalli di responsabilità tra Regione, Comune e Idrica Spa, società per i servizi idrici e fognari partecipata al 100% del Comune di Ardea. Molti residenti, la cui unica fonte idrica risiede nei pozzi super-inquinati dall’arsenico e dalla discarica, sono stati costretti a pagarsi, a caro prezzo, gli impianti di potabilizzazione.  Se da un lato Idrica non è manifestamente in grado di portare acqua ai Villaggi, stando al sindaco  Luca Di Fiori, neanche Acea avrebbe acqua a sufficienza per sopperire al fabbisogno. Convinzione puntualmente smentita dal responsabile Acea Spa per la gestione impianti, ing. Marco Salis da noi interpellato. Abbiamo quindi chiesto al sindaco un incontro per chiarire una volta per tutte la cosa e dare soluzione  alle altre criticità, in primis l’allaccio dei villaggi al depuratore intercomunale. Malgrado infausti precedenti giovedì 23 c.m. l’incontro c’è stato, presenti oltre al sindaco i rappresentanti delle società Acea Ato2 e Idrica Spa, ing. Emanuele Vinciarelli e ing. Stefano Coticoni. C’è voluto poco per avere conferma che, anziché perdere anni inutilmente,  sarebbe bastato che il primo cittadino alzasse il telefono e comunicasse alla STO, segreteria tecnica operativa di Acea Ato2, l’intenzione sua e quella di Idrica Spa di affidargli l’incarico di portare acqua ai Villaggi.Ieri con il si di Acea Ato2 si è forse messo in moto l’iter. Aspettiamo di vedere nero su bianco la lettera ufficiale di incarico ed intanto continueremo a vigilare. Non abbiamo simpatie per Acea ma sicuramente, al contrario di Idrica, ha tutti i mezzi per realizzare l’opera. Visto che la municipalizzata romana è anche subentrata nella conduzione-gestione del depuratore intercomunale dei Castelli ci aspettiamo che elimini rapidamente le cause del rumore e degli effluvi maleodoranti che investono i residenti di Montagnanello dal maggio 2016.Non c’è stato modo di avere risposte in merito dal primo cittadino che ha chiuso l’incontro per altri impegni. Il sit-in del 24 febbraio sotto la sede del Comune di Ardea a via Garibaldi, molto partecipato dai cittadini dei villaggi, è servito per mettere a fuoco e denunciare i tanti altri problemi irrisolti. Tra questi il contenzioso ancora in corso tra Comune e Regione per un debito comunale pregresso da circa 1.700.000 Euro nei confronti dell’ente regionale che continua a bloccare il milione 380mila già erogato per gli allacci delle fognature dei villaggi al depuratore. E senza fognature niente acqua. Nel corso dell’assemblea si è fatta avanti l’assessora all’ambiente e vice sindaco  Anna Lucia Estero, giovane e rampante avvocata, in carica da soli 7 mesi che si è sperticata nella difesa d’ufficio dell’amministrazione, ignorando l’inerzia o peggio della stessa sulle questioni ambientali, ignorando ad esempio che la stessa amministrazione è responsabile del via libera al mostro della Suvenergy, mega digestore anaerobico a biogas-“bio”metano da 117.000 tonnellate destinato ad avvelenare un vastissimo territorio di quel Comune.  Su questa decisione, presa in Conferenza dei servizi ignorando il parere negativo della Asl, pendono due nostre denunce penali alla Procura della Repubblica di Velletri.L’assessora, che non ha poi mancato di attaccare con argomenti  ridicoli i “manifestanti” ha rivendicato un po’ imprudentemente l’impegno del Comune sui rifiuti con future ipotetiche e preelettorali isole ecologiche, dimenticando però di dire che l’unica isola ecologica disponibile al momento si trova vicino al mare a molti km di distanza dai villaggi ed è aperta un solo giorno a settimana. Le campagne elettorali e le agitazioni preelettorali non ci interessano ed aspettiamo solidi fatti non chiacchiere.

Coordinamento contro l’inceneritore di Albano – Comitato ribelli di Montagnano -  Assemblea contro le nocività

 
VALID CSS   |   VALID XHTML