Inceneritori: se non ti informi non saprai mai che sono nocivi e che esistono delle alternative

La lotta contro l' inceneritore non ha padroni ed è gestita dal basso, non fa spalla a nessun partito politico, istituzione, o simili. E' una lotta autorganizzata che rifiuta ogni delega, quindi se vogliamo vincerla dobbiamo partecipare tutti/e direttamente!!

Le manifestazioni, i presidi in piazza, i volantinaggi, le assemblee pubbliche  oltre agli innumerevoli esposti e ricorsi fin ad oggi fatti sono stati possibili grazie alla sottoscrizione dei tanti e tante. AIUTACI ANCHE TU! clicca sul nostro sito alla voce Sottoscrivi per fare una piccola donazione

Venerdì 11 aprile, presidio alla regione Lazio, via Rosa Garibaldi, Garbatella, ore 10.30

sottoscrizioni

facebook

Diffondi

Inserisci questo banner nei tuoi spazi web.

ISTRUZIONI E CODICE HTML

Sondaggi

L'inceneritore ad Albano è:
 

Shinystat

Inceneritore ad Albano? Anche no!
Albano, cattivi odori dalla discarica di Roncigliano. I residenti protestano a casa del sindaco Marini PDF Stampa E-mail
Domenica 29 Settembre 2013 11:27

Fonte: il messaggero.it

Ancora tensione ad Albano per i cattivi odori della discarica di Roncigliano. Ieri sera il sindaco Nicola Marini è stato bloccato da un centinaio di residenti e dai rappresentanti dei vari comitati "No Inc" davanti a casa sua in via Rufelli a Cecchina.

Da diversi giorni i residenti e i comitati chiedevano al sindaco di andare a incontrarli alla discarica di Roncigliano per sentire il tanfo che da giorni ha invaso la zona. Ieri sera la tensione è salita con i residenti chesi sono presentati a casa del sindaco e l'intervento di una pattuglia dei carabinieri di Castelgandolfo e del comandante della stazione di Cecchina, maresciallo Enrico Cortese, per ristabilire la calma.

Il sindaco si è detto amareggiato dal fatto che un centinaio di persone si siano presentate davanti casa sua, violando la sua privacy e quella della sua famiglia. Da parte loro i manifestanti hanno chiesto a gran voce un interessamento maggiore del primo cittadino per sapere cosa stia succedendo alla discarica in questi giorni. Alcuni cittadini infatti hanno accusato malori per il forte cattivo odore che arriva dai rifiuti.

Leggi tutto

 
Albano invasa dalla puzza della discarica: la gente in strada PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Settembre 2013 13:09

Da ieri sera la puzza nauseabonda che proviene dalla zona di Roncigliano ha invaso tutta Albano. Il cattivo odore si sente anche a chilometri di distanza

(fonte: castelli.romatoday.it)

Albano invasa dalla puzza della discarica: la gente in strada
Albano non respira: da giorni e in modo particolare in maniera esplosiva nella serata di ieri i cattivi odori nauseabondi provenienti dalla discarica di Roncigliano, hanno invaso tutta la cittadina dei Castelli Romani.

A puzzare di "monnezza" non è solo la zona intorno alla discarica, ma il cattivo odore ha raggiunto anche il centro di Albano, la centrale Piazza Mazzini, il quartiere Miramare e il quartiere di Villa Altieri. Ieri notte visto gli odori insopportabili i residenti della zona di Roncigliano sono usciti in strada e si sono ritrovati in maniera del tutto spontanea vicino ai cancelli della discarica per capire cosa stava accadendo, se ci fosse qualcosa nella discarica che causasse i miasmi dei rifiuti.

Leggi tutto

 
Rifiuti, conto alla rovescia per Malagrotta Il sì a Falcognana tra proteste e polemiche PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Settembre 2013 11:26

“Nel vecchio sito 300mila alberi”, presidio alla Pisana contro la discarica sull’Ardeatina mentre il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: "Basta agitare paure"

di MAURO FAVALE (fonte: la repubblica.it)


Meno 7: inizia il conto alla rovescia per la chiusura di Malagrotta, la discarica più grande d'Europa che per oltre trent'anni ha ospitato la spazzatura di Roma. Oggi al ministero dell'Ambiente si vedranno i rappresentanti di Comune, Provincia, Regione e commissario all'emergenza per la firma del via libera a Falcognana, il sito sull'Ardeatina che sostituirà Malagrotta per un paio d'anni. Ieri, durante il dibattito sui rifiuti in Consiglio regionale, il governatore Nicola Zingaretti ha ribadito: "Non c'è nessun pericolo per la salute. Falcognana si prefigura come un piccolo sito di servizio. Basta megadiscariche, ma smettiamola anche di agitare paure". E mentre i residenti di Falcognana protestano, quelli di Malagrotta restano in allerta, preoccupati sulla reale chiusura della discarica.

Leggi tutto

 
CONTINUARE LA LOTTA PER CANCELLARE INCENERITORI E DISCARICHE PDF Stampa E-mail
Martedì 10 Settembre 2013 07:21
VERSO LA MANIFESTAZIONE DI ROMA PER IL 21 SETTEMBRE
VENERDI 13 SETTEMBRE ORE 18.00 PAVONA. CIRCOSCRIZIONE VIA DEL MARE - ASSEMBLEA PUBBLICA.
SABATO 14 SETTEMBRE ORE 18.00 ALBANO PIAZZA CARDUCCI ASSEMBLEA PUBBLICA

DOMENICA 15 SETTEMBRE ORE 10,30  S.M. MOLE MARINO P.ZZA SCIOTTI ASSEMBLEA PUBBLICA


Convochiamo una serie di assemblee per fare il punto, cercare di capire una situazione complicata e prepararci alle prossime scese in piazza in primis il prossimo 21 a Roma con gli altri comitati regionali.
In Agosto abbiamo incontrato l'assessore regionale all'ambiente Civita, già assessore della provincia e cofirmatario dell'AIA 2009 con via libera a inceneritore e 7° invaso della discarica di Roncigliano. Abbiamo presentato due richieste precise: revoca dell'AIA 2009 e caratterizzazione interna della discarica alla luce degli sforamenti degli inquinanti organici (benzene, cloroformio, dibromoclorometano, tribromometano), di quelli inorganici (arsenico, fluoro, ferro, manganese) e del mancato inizio del cantiere sino alla data odierna.
L'assessore ci ha rimandato a settembre per un nuovo incontro, anticipando però che la regione non chiederà la revisione dell'AIA, anche se sulla base di un nuovo studio dei flussi non è più sicuro che l'inceneritore di Albano serva ancora. Per la caratterizzazione: la faccia il comune di Albano che poi la regione l'aiuta. 'E noto che sindaco e giunta sostengono da sempre che la caratterizzazione spetta alla regione, risultato, un atto dovuto da almeno tre anni non riesce a trovare un cane che se ne faccia carico, chissà che fine hanno fatto le famose toghe rosse.
A luglio abbiamo saputo dall'ingegner Ermolli, responsabile ARPA per il controllo delle falde, che nel 2012 non è stata effettuata la verifica annuale su tutti i pozzi spia e, anche qui siamo all'omissione totale degli obblighi di legge, in compenso sono usciti i dati di Ecocontrol incaricati da Cerroni per le analisi di rito per il 2013 e incredibilmente vengono confermati gli sforamenti precedenti. Ma nulla accade e il 7° invaso di Roncigliano continua a ingoiare i rifiuti indifferenziati dell'ambito castellano più quelli romani come da decreto Clini.
A luglio grazie al presidio al ministero sviluppo economico siamo stati ricevuti da " alti dirigenti" che ci hanno confermato le insistenze di Cerroni per avere i soldi pubblici (ex cip 6) per fare l'inceneritore con la giustificazione che i ritardi erano dovuti al coordinamento e ai cittadini che hanno creato continue difficoltà. Complimenti al coordinamento e ai cittadini!! Gli "alti dirigenti" ci hanno comunque rassicurato che loro applicheranno inderogabilmente le leggi (sorpresa!) E anche costoro ci hanno rinviato a settembre. A settembre ci siamo, ma l'unica novità è che a ridosso del comune di Marino a 9 km dalla discarica di Roncigliano, alla Falcognana si vuole collocare la Malagrotta bis. Stiamo proprio fuori!!!
 
Altri Articoli...


JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL
VALID CSS   |   VALID XHTML